giovedì, 24 maggio, 2018
Home / Guide Utili / Chiedere due Prestiti: consigli per fare Domanda di un Secondo Finanziamento mentre se ne ha uno già in corso

Chiedere due Prestiti: consigli per fare Domanda di un Secondo Finanziamento mentre se ne ha uno già in corso

Quando si cerca un prestito personale è importante dare la garanzia di poterlo rimborsare. Banche e società finanziarie riescono ad ottenere tale garanzia principalmente dalla presenza di una busta paga (per i lavoratori dipendenti) o di una dichiarazione dei redditi (per gli autonomi), poi anche la presenza di un garante potrebbe aiutare.

Diciamo che è importante avere un’entrata mensile tale da potersi permettere di pagare le rate senza particolari problemi e tale da far rimanere, sul proprio conto corrente, una somma di denaro sufficiente per poter arrivare a fine mese.

Questo tipo di disponibilità economica è ciò che gli istituti di credito valutano quando devono prendere una decisione sul concedere o meno un finanziamento.

Tale disponibilità economica viene ovviamente intaccata da eventuali altri prestiti che si sono chiesti in passato.

Esempio pratico di richiesta nuovo prestito con altri prestiti in passato

Facciamo l’esempio di un dipendente il cui stipendio è di 1.500 euro al mese. Egli può fare domanda di prestito con la cessione del quinto e, in quanto tale, può pagare una rata mensile pari al massimo a 1/5 del suo stipendio netto: nello specifico 300 € .

Qualora lo stesso dipendente, dopo qualche mese, dovesse aver bisogno di un altro prestito, magari un’altra cessione del quinto, questa volta la somma base da cui andare a fare il calcolo per la rata mensile sarebbe diversa. Potremmo ipotizzare, per semplicità di calcolo, la differenza tra stipendio netto e rata già pagata, dunque 1.200 € .

In questo caso la nuova rata mensile massima che si potrebbe pagare sarebbe di 240 € (1.200 € / 5).

Attenzione! E’ un calcolo semplicistico, con il quale vogliamo far capire che se si hanno dei prestiti già accesi le disponibilità economiche da dedicare a quel dato prestito diminuiscono, questa è una cosa che anche le finanziarie considerano.

Si possono chiedere nuovi prestiti?

Nulla vieta di fare domanda di nuovi finanziamenti, assolutamente. L’unica cosa è che potrebbe essere più difficile ottenerli, oppure se anche si dovesse riuscire, sarebbero per importi più bassi.

Se si avesse bisogno di un piccolo prestito, solitamente fino a 5.000 €, potrebbero non esserci particolari problemi.

Se, invece, il secondo prestito dovesse essere per somme più grandi, allora bisogna prestare qualche attenzione in più.

Ricapitolando, si possono avere nuovi prestiti?

Si, ma tenendo in mente quanto segue:

  • la somma di denaro che si potrebbe ottenere con il secondo prestito potrebbe essere inferiore rispetto alla prima
  • la banca potrebbe chiedere maggiori garanzie
  • si ha una probabilità più alta di venire rifiutati

Come aumentare le probabilità di avere un secondo prestito?

  • presentare un garante
  • chiedere un prestito co-intestato con il coniuge
  • fornire garanzie reali (ad esempio l’affitto di una casa di proprietà)
  • sottoscrivere delle cambiali, che fungono da garanzia (leggi tutto sui prestiti cambializzati)

Quando si hanno due prestiti, ecco come riunire le rate

Se si dovesse riuscire ad ottenere un secondo prestito (come detto prima, non è così impossibile) è importante anche sapere quali opzioni si potrebbero avere in futuro. Tra di esse c’è la possibilità di riunire le rate per pagarne una sola, di importo più piccolo.

Unire le rate è possibile tramite l’opzione di consolidamento debiti (lo fa anche BNL), un prestito che ha la finalità di estinguere tutti gli altri finanziamenti richiesti in passato, così da averne uno solo a cui far fronte, dalla rata periodica più bassa, ma più lungo nel tempo (ecco perché la rata è minore).

Se si sono aperti più prestiti in passato e oggi, per qualunque motivo, si potrebbero avere delle difficoltà nel rimborsare un finanziamento, il consolidamento è il prestito ideale per evitare di finire iscritti nel registro dei cattivi pagatori.

Ricaricare il prestito

Una delle opzioni a disposizione di chi cerca nuova somma di denaro in prestito è quella di optare per una “ricarica” del prestito.

In sostanza, la stessa banca o finanziaria presso cui si è accesso il primo finanziamento può aggiungere altro credito a quello già ottenuto in passato.

I vantaggi sono evidenti:

  • maggiore semplicità nel fare la richiesta
  • più probabilità di venire accettati in quando si è già clienti e si è già conosciuti
  • condizioni economiche che, solitamente, non cambiano rispetto al primo finanziamento

Bisogna tener presente che, di solito, prima di poter avere possibilità di chiedere una ricarica sul prestito occorre aver rimborsato puntualmente un certo numero di rate (almeno 6, di solito).

Check Also

pagamento rateale

Il Pagamento Rateale, come funziona?

Che cos'è il pagamento rateale e come funziona? Che cosa si può comprare a rate? In questo approfondimento ti parliamo delle rate.