lunedì, 18 dicembre, 2017
Home / Migliore banca straniera 2016

Migliore banca straniera 2016

La scelta della banca dove aprire un conto corrente o tramite la quale aprire un conto di deposito (che è un interessante investimento sicuro) è particolarmente delicata perché c’è bisogno di sicurezza e tranquillità, tutti i giorni, e per questo motivo una delle scelte preferite degli italiani è quello di rivolgersi alla migliore banca straniera 2016.

Spesso gli istituti di credito italiani sono visti come poco sicuri, anche in seguito ad alcuni scandali che hanno colpito il sistema bancario italico, tra cui quello di Banca Etruria.

E’ per questo motivo che spesso si preferisce optare per un istituto di credito estero, che magari nell’immaginario del piccolo risparmiatore ed investitore, è visto come più sicuro e conveniente.

Le banche straniere in Italia

Sono oltre 100 gli istituti di credito stranieri che operano in Italia, per un totale di oltre 2.700 filiali, 37.000 dipendenti e una quota maggiore al 15% del capitale bancario italiano.

La cosa particolare è che da qualche anno a questa parte la percentuale di partecipazione al sistema bancario nostrano delle banche non italiane è in aumento, a discapito degli istituti di credito italiani.

I dati sono stati diffusi dall’AIBE (Associazione Italiana Banche Estere), un ente senza scopo di lucro che mira a tutelare gli interessi delle banche estere nel nostro paese.

Come scegliere una banca straniera in Italia

Nella scelta dell’istituto di credito estero operante in Italia, sono due i punti fondamentali da tenere a mente:

  • scegliere un istituto di credito di un paese che non abbia un grande rapporto con l’Italia, altrimenti si rischia di non riuscire a diversificare molto la propria decisione in merito al conto corrente o al conto di deposito;
  • scegliere banche che operano anche con clientela meno facoltosa e non solo con “i ricchi”, cioè con persone che operano con dei grandi importi di denaro.

La migliore banca straniera in Italia nel 2016

Ecco una lista delle migliori banche straniere in Italia al 2016. L’elenco contiene solo istituti di credito che siano solidi e dei quali potersi fidare in maniera assoluta perché hanno i conti in ordine e propongono dei prodotti e dei servizi davvero innovativi.

Banca Barclays Italia.

Una delle banche internazionali più famose e potenti al mondo. Di origine inglese, la sede principale si trova a Londra, al numero 1 di Churchill Place, è anche lo sponsor principale della Premier League, il principale campionato di calcio inglese.

Tra i servizi proposti troviamo:

  • personal banking, ovvero prestiti, mutui e conti correnti, oltre che carte di credito e carte di debito per privati;
  • business banking, tutta una serie di servizi bancari dedicati alle aziende, dai conti correnti fino alle carte di credito;
  • internet banking, per gestire il proprio conto corrente e tutti i servizi ad esso connessi tramite internet, in maniera sicura e comodamente da casa;
  • un pool di consulenti finanziari che aiutano il cliente, sia privato che aziendale, alla scelta dei migliori servizi in assoluto.

Vuoi andare a vivere a Londra o in Inghilterra? Allora leggi come ottenere un prestito in Inghilterra e come aprire un conto corrente in Inghilterra.

Credit Suisse

Banca Svizzera fondata nel 1856, la sede principale si trova a Zurigo, ad oggi conta sedi operative in oltre 50 paesi del mondo. Oltre 48.200 impiegati in tutto il mondo, in Italia conta 6 sedi: Roma, Firenze, Parma, Padova, Brescia e Milano.

Tra i servizi proposti troviamo:

  • private banking, tutta una serie di servizi e prodotti pensati per il cittadino, tutte le 6 sedi italiane di Credit Suisse li propongono;
  • servizi dedicati a grandi imprese svizzere che hanno interessi in Italia, tali servizi sono svolti solo nella sede di Milano;
  • servizi per clienti istituzionali, svolti nelle sedi di Brescia, Firenze, Milano e Roma.

I prodotti proposti in Italia si concentrano per la maggiore sulla consulenza finanziaria, che viene messa in ogni momento al centro del rapporto con ogni cliente: gestione patrimoniale, fondi comuni di investimento e prodotti assicurativi sono le tre tipologie di prodotti offerti.

ING Direct

Banca olandese attiva in Italia sin dal 2001, oggi è la prima banca online italiana per numero di clienti, oltre 1 milione, e per volume di attività, oltre 20 miliardi di euro.

ING propone tutta una serie di servizi pensati per il consumatore finale, dal conto corrente (è di ING Direct il famoso Conto Corrente Arancio, quello della zucca), ma anche prestiti, mutui, assicurazioni sulla vita ed opportunità di investimento.

I servizi della banca possono essere usufruiti in maniera veloce direttamente da casa, con il computer, oppure con il telefono.

Si differenzia dagli altri istituti di credito per la varietà di servizi virtuali offerti ai clienti, tra cui l’home banking e la Community Arancio, un luogo di conversazione e scambio di idee, condivisioni, dove tutti coloro che sono già clienti della banca olandese, o che magari vogliono diventarlo, possono trovare consigli e recensioni sui prodotti e sulla qualità dei servizi.

Deutsche Bank

Banca tedesca tra le più presenti in assoluto nel nostro paese, offre servizi in qualità di banca commerciale e di banca di investimento, inoltre offre prodotti di risparmio gestito e di gestione patrimoniale ai quali possono rivolgersi aziende, investitori istituzionali e privati.

In Italia, Deutsche Bank conta oltre 650 punti vendita, 4.000 dipendenti e 1.500 promotori finanziari. Quello italico è il secondo mercato europeo per questo gruppo bancario, la cui nascita è datata 1870 a Berlino.

I prodotti offerti vengono divisi in tre categorie:

  • personal banking, dedicato alla singola persona e alla sua famiglia, come conti correnti, carte di credito e carte revolving, ma anche tutta una serie di servizi relativamente ai prestiti e ai mutui, risparmio gestito, investimenti assicurativi e così via;
  • private banking, ovvero una serie di servizi di consulenza per investire denaro;
  • business banking, dedicato alle aziende e ai liberi professionisti che hanno bisogno di servizi “ad hoc” pensati per il mondo del business.

Santander Consumer Bank

Istituto di credito spagnolo che offre servizi all’avanguardia e a condizioni tra le migliori del mercato. In Italia conta 21 filiali ed oltre 6.000 negozi convenzionati.

Tra i prodotti che vengono proposti ai privati, tutti molto flessibili, troviamo prestiti personali, cessioni del quinto per dipendenti e pensionati (scopri cos’è la cessione del quinto), carte di credito, assicurazioni, investimento e risparmio in conti deposito e leasing di vario genere, anche per privati.

Scegliere una banca straniera in Italia, conviene?

E’ la domanda che in molti si pongono: conviene scegliere una banca straniera che opera in Italia, oppure un istituto di credito italiano?

In realtà, sono due mondi paralleli che viaggiano sullo stesso binario. Le banche straniere possono vantare un’esperienza internazionale, cosa che anche tante banche italiane possono fare. Inoltre, alcune delle più antiche banche del mondo sono italiane, il che la dice lunga sulla nostra esperienza in qualità di banchieri.

Nella scelta della banca giusta, a patto che siano istituti di credito grandi e abilitati ovviamente ad operare in Italia, noi consigliamo di guardare non tanto al nome o alla nazionalità di provenienza, quanto alla qualità dei servizi e alla professionalità degli operatori e del servizio clienti (nel caso in cui si optasse per una banca che lavora molto con internet).

Fate questo confronto, dunque: paragonate i prodotti offerti dai vari istituti di credito sulla base delle condizioni e, così facendo, troverete da soli la risposta alla domanda che ci siamo posti, capirete da soli se conviene scegliere una banca straniera in Italia o meno.