venerdì, 19 gennaio, 2018
Home / Mutui Casa / Accollo del Mutuo

Accollo del Mutuo

Il termine accollo del mutuo entra in gioco quando si vuole acquistare una casa sulla quale grava già un mutuo ipotecario. In sostanza, l’acquirente dell’immobile decide di “accollarsi” il mutuo sottoscritto dal vecchio proprietario di casa, pagandone lui stesso le rate.

Accollo del mutuo: come funziona?

Come detto in apertura, se vuoi acquistare una casa sulla quale c’è già un mutuo, puoi decidere di accollartelo e pagare tu stesso le rate al posto del vecchio proprietario. Ovviamente, il prezzo di vendita della casa potrebbe risentire dell’accollo.

A sancire la possibilità è l’articolo 1273 del Codice civile, che dice: “Se debitore e un terzo si accordano affinché quest’ultimo possa assumere il debito dell’altro, il creditore (la banca, ndr) può aderire rendendo irrevocabile la stipulazione a suo favore”.

Dal momento in cui si decide di procedere per l’accollo, bisogna sapere che ce ne sono di due diverse tipologie: cumulativo o liberatorio.

Con l’accollo cumulativo, vecchio e nuovo proprietario di casa sono entrambi responsabili del pagamento del mutuo. Praticamente, sono obbligati in solido e se l’accollante (il nuovo proprietario) non provvederà a rimborsare le rate, dovrà necessariamente pagarle l’accollato (il vecchio proprietario).

Con l’accollo liberatorio, invece, l’accollato (il vecchio proprietario) non è più responsabile delle rate del mutuo, esce dal “gioco”, e l’unico responsabile rimane il nuovo proprietario.

Tenete presente che se non è specificato nulla sul rogito notarile relativo all’acquisto di casa e al mutuo, l’accollo viene inteso con cumulativo. Per poter essere liberatorio occorre specifica, e scritta, autorizzazione da parte della banca.

Accollo mutuo: tabella

Accollo cumulativo Vecchio e nuovo proprietario sono responsabili, in solido, del pagamento delle rate del mutuo
Accollo liberatorio Solo il nuovo proprietario è responsabile del pagamento delle rate del mutuo, il vecchio proprietario è “sollevato”

Perché acquistare una casa con l’accollo?

Le motivazioni possono essere tante, ne elenchiamo alcune:

  • se una casa che proprio ti piace ha già un mutuo e il vecchio proprietario non può o non vuole estinguerlo, l’accollo potrebbe essere l’unica strada
  • dato che le condizioni del mutuo “passato di mano” sono “ereditate”, nel senso che rimangono le stesse tra vecchio e nuovo titolare, esse potrebbero essere migliori rispetto al nuovo mutuo, soprattutto se l’accollante (il nuovo proprietario) non ha mai sottoscritto un finanziamento casa prima d’ora
  • la velocità con la quale la vendita di casa si conclude potrebbe essere maggiore rispetto a quella di dover attendere il responso di una nuova domanda di mutuo. Questo però dipende dai tempi che la banca chiede per autorizzare l’accollo e dai tempi notarili, considerando che tale processo deve essere inserito nel rogito.

Le parti dell’accollo

Sono tre le parti che entrano in gioco nell’accollo:

  • banca creditrice, quella che ha concesso il mutuo casa
  • accollante, il nuovo proprietario di casa, colui che sarà responsabile del nuovo mutuo
  • accollato, il vecchio proprietario di casa

L’accollo conviene, conclusioni

Dipende da caso a caso. Secondo noi bisogna guardare, per prima cosa, le condizioni del vecchio mutuo e confrontarle con quelle nuove (ricorda di confrontare il TAEG). Se effettivamente tale vantaggio c’è, si può tranquillamente procedere, in caso contrario si potrebbe cercare un’altra soluzione, che possa essere quella di chiedere al vecchio proprietario di saldare il mutuo (se deve vendere, potrebbe acconsentire), oppure andare in banca per cercare di farsi dare delle condizioni il più simili possibile a quelle del vecchio mutuo.

In alternativa, i mutui online potrebbero essere un’eccellente scelta.

Check Also

Conviene comprare casa oggi?

Conviene comprare casa oggi? Guida 2017

Conviene comprare casa oggi? E’ una buona scelta, valida e utile, acquistare casa nel 2017 (e …