giovedì, 24 maggio, 2018
Home / Prestiti Auto, la Guida Completa 2018 / Prestito Auto con Cessione del Quinto: la Guida Completa

Prestito Auto con Cessione del Quinto: la Guida Completa

Acquistare un’auto a rate è forse una delle tipologie di spese che si fa quando si parla di finanziamenti. Con un prestito si possono comprare mobili, moto, andare in vacanza oppure sostenere delle spese per pagare gli studi a figli e nipoti (oppure per sé stessi), ma sicuramente  l’acquisto di una vettura, nuova o usata, è una delle finalità più scelte dagli italiani.

Per tutti i lavoratori dipendenti e i pensionati che vogliono comprare un’auto, avete mai pensato di farlo usando la cessione del quinto?

Prestito auto: che cos’è?

Quando si parla di prestito auto ci si riferisce ad un finanziamento che viene chiesto, come si può facilmente intuire dal nome, per comprare una vettura, nuova, usata o anche a km zero.

Viene richiesto quando non si ha la liquidità necessaria per comprare la vettura pagandola in contanti, e quando non si può fare domanda di leasing auto, per qualunque ragione.

Sono principalmente due i modi con i quali si può fare domanda di prestito auto:

  • direttamente presso una concessionaria, caso che rientra tra i prestiti finalizzati;
  • presso una società finanziaria, caso che rientra tra i prestiti non finalizzati.

Prestito auto presso una concessionaria, i vantaggi

Il finanziamento per un’auto presso una concessionaria (prestito finalizzato) è quando è il venditore di auto che si occupa, in prima persona, di tutte le pratiche del finanziamento: presenta domanda alla società finanziaria e attendere la risposta di fattibilità.

Se la finanziaria accetta, il venditore della vettura darà informazione, all’acquirente, che la pratica è stata accettata e che si può continuare con la transazione. Alla fine della stessa, la concessionaria paga al concessionario, sul conto corrente di quest’ultimo, l’importo della vendita e nel frattempo attiva il finanziamento.

Il principale vantaggio di questa modalità di finanziamento è legato alla comodità, perché le pratiche sono fatte direttamente dal concessionario, e al tasso di interesse, che in alcune occasioni può essere particolarmente vantaggioso.

Prestito auto presso una banca o finanziaria, i vantaggi

L’alternativa al prestito finalizzato, cioè richiesto presso la concessionaria, è quello non finalizzato, cioè richiesto direttamente presso la sede della banca o della finanziaria.

In questo caso è colui che vuole comprare l’auto che si dovrà occupare di tutte le pratiche, ovviamente con la collaborazione della finanziaria stessa (o di un consulente del prestito).

I vantaggi di questa soluzione sono legati al fatto che si può scegliere la banca o la finanziaria presso cui rivolgersi, soluzione vantaggiosa se si ha già una storia di credito positiva con un istituto e si vuole continuare ad essere buoni clienti.

Se non si è mai fatto domanda di prestito prima d’ora, con un prestito finalizzato si ha il vantaggio di poter fare tutti i confronti e i paragoni che si desidera, per trovare la soluzione di finanziamento più adatta a sé.

Prestito auto con cessione del quinto

Tutti i dipendenti e i pensionati possono trovare ancora più vantaggioso fare domanda di prestito con cessione del quinto, una modalità di finanziamento che si caratterizza per i tassi di interesse sempre molto convenienti e per il rimborso periodico che viene fatto con il pagamento di una rata mensile trattenuta direttamente dallo stipendio netto o dalla pensione netta.

L’importo massimo che si può rimborsare in questo caso, mese dopo mese, è pari a 1/5 dell’emolumento netto che si percepisce.

Prestito auto con cessione del quinto: con contratto a tempo determinato

Solitamente non ci sono problemi se si ha un contratto di lavoro a tempo determinato per quanto riguarda la cessione del quinto per acquistare un’auto.

Sono diverse, infatti, le soluzioni di prestito con contratto a tempo determinato, l’unica condizione necessaria da tenere presente è che la durata del finanziamento non può superare quella residua del contratto di lavoro.

Ad esempio, se si ha un contratto di lavoro per 3 anni, e la durata residua dello stesso è di 2 anni, 24 mesi, la durata del finanziamento non può essere superiore a questi 24 mesi.

Il vantaggio di questa tipologia di finanziamento è quello di permettere, anche a questa tipologia di lavoratori, di poter comprare un’auto a rate, nuova o usata non fa differenza.

Prestito auto con cessione del quinto: per protestati e cattivi pagatori

Come di consueto accade con la cessione, i cattivi pagatori e i protestati non hanno problemi a fare domanda di finanziamento.

Ne abbiamo già parlato in passato: la cessione è il prestito ideale anche per chi ha avuto dei disguidi finanziari in passato.

Se vuoi approfondire, ti consigliamo di leggere il testo sulla cessione del quinto per cattivi pagatori e protestati, oltre che questi consigli per avere dei prestiti veloci e queste cose da sapere per ottenere la cancellazione dal registro dei cattivi pagatori.

Il vantaggio, in questo caso, è che anche se si sono avuti disguidi finanziari, non si esclusi al 100% dall’ottenimento di credito.

Prestito auto con cessione del quinto: per pensionati

Esattamente come per i lavoratori dipendenti, anche i pensionati possono fare domanda di cessione del V per acquistare una vettura.

In questo caso l’unico limite potrebbe essere l’età del richiedente: la maggior parte delle società finanziarie e delle banche chiede che non si superino i 75 anni di età al momento del pagamento dell’ultima rata periodica. Ad onor del vero, diciamo che ci sono istituti di credito che permettono di far domanda fino a 80 anni, ma è da tenere presente che più alta sarà l’età al momento dell’estinzione del prestito e maggiore sarà il tasso di interesse che si può dover pagare.

Il vantaggio è che anche chi ha una pensione di anzianità può far domanda di prestito, per sé stesso o per figli e nipoti.

Prestito auto con cessione del quinto: la somma richiesta

L’importo massimo che si può richiedere è un po’ un limite di tutti i prestiti, nel senso che il richiedente deve dimostrare di poter pagare delle rate mensili adeguate al suo reddito, e che tutto il debito deve essere ovviamente rimborsato entro la data di scadenza.

Con la cessione del quinto la somma massima richiedibile viene calcolata sulla base dello stipendio o della pensione netta e della durata del finanziamento.

Per la cessione del quinto, con stipendio da 1.000 € al mese e durata del finanziamento 120 mesi, l’importo massimo richiedibile è:

(1.000 € x 1/5) x 120 mesi = 24.000 €

Con la pensione, il calcolo potrebbe non sempre corrispondere a 1/5 della stessa perché è da tenere presente il fatto che la differenza tra pensione netta e rata mensile non deve essere minore della pensione minima. Ne parliamo qui.

Prestito auto con cessione del quinto: estinzione anticipata

Come per ogni altra tipologia di prestito, anche la cessione del quinto per comprare un’auto può essere eventualmente estinto in via anticipata.

A seconda di quello che viene stabilito nel contratto di prestito, può essere necessario pagare una penale calcolata in percentuale sull’importo rimborsato in via anticipata: di solito l’1% al massimo.

Con un debito residuo di 2.000 €, ad esempio, l’importo della penale si aggira attorno a 20 €.

Prestito auto con cessione del quinto: le conclusioni

Tirando le somme di quanto abbiamo detto, vogliamo sottolineare che la cessione del quinto è un finanziamento sempre utile e conveniente, anche per comprare una vettura nuova, usata o a km zero.

Qualunque sia la tua storia creditizia, ovvero se non hai mai fatto domanda di prestito, oppure se hai avuto disguidi finanziari in passato, la cessione del quinto rimane un finanziamento ideale (inoltre, ci sono anche pochi documenti da presentare, dunque è ancora più semplice).

Come al solito, ti consigliamo di valutare e confrontare più di un preventivo, per avere la certezza di trovare la soluzione più conveniente per i tuoi bisogni.