mercoledì, 26 luglio, 2017
Home / Prestiti con Cambiali, la Guida Completa / Prestito cambializzato per dipendenti pubblici, privati e lavoratori autonomi: quanto si può ottenere?

Prestito cambializzato per dipendenti pubblici, privati e lavoratori autonomi: quanto si può ottenere?

Il prestito con cambiali è una soluzione caratterizzata dal fatto che le cambiali vengono usate o come rate mensili, dunque da pagare per rimborsare mese dopo mese il finanziamento ottenuto, oppure come garanzia del finanziamento.

Prestito cambializzato: quanto si può ottenere?

La somma massima che si può avere con il finanziamento con cambiali dipende molto dal proprio status lavorativo, che possiamo distinguere tra dipendente pubblico (o ministeriale), dipendente privato oppure lavoratore autonomo.

  • Lavoratore dipendente pubblico o ministeriale: fino a 80.000 euro
  • Lavoratore dipendente privatio: fino a 35.000 euro
  • Lavoratore autonomo: fino a 31.000 euro

Il capitale massimo erogabile dalle società finanziarie dipende da diversi fattori. Nel caso di dipendenti, le variabili principali sono quelle del TFR (Trattamento di Fine Rapporto), nel caso del lavoratore autonomo molto dipende dal valore di copertura della polizza assicurativa.

Attenzione al fatto che le cifre elencate sopra sono solo indicative e possono discostare da quelle effettivamente concesse dalle banche e dalle società finanziarie. Ciò è dvouto al fatto che sono gli istituti di credito ad avere sempre l’ultima parola sul concedere o meno un prestito, oltre che sull’importo dello stesso.

Prestito cambializzato per dipendenti: i requisiti

Affinché un lavoratore dipendente, sia del settore privato che di quello pubblico, possano richiedere un prestito è fondamentale rispettare le seguenti caratteristiche:

  • anzianità lavorativa minima: 2 anni
  • TFR maturato: 2 anni

Sono condizioni che solitamente gli istituti di credito richiedono per concedere un prestito garantito da cambiali.

Prestito cambializzato per autonomi: i requisiti

Diversi sono i requisiti nel caso in cui a fare domanda di prestito siano gli autonomi:

  • titolarità di una polizza assicurativa da almeno 3 anni
  • anzianità della ditta di almeno 2 anni
  • dimostrazione di un’entrata fissa mensile che permette di far fronte al rimborso delle cambiali (la dimostrazione si ha attraverso la dichiarazione dei redditi)

Prestiti con cambiali: garanzie aggiuntive che possono venire richieste

A seconda della situazione, la banca o la società finanziaria potrebbero richiedere delle garanzie aggiuntive rispetto a quelle normalmente offerte dalla firma di cambiali.

In linea generale offrire la garanzia di un bene che sia di facile vendita, nel caso in cui le cambiali mensili non vengano onorate.

In aggiunta si può avere un garante del prestito, a patto che esso osservi determinate caratteristiche, come da noi riportato nel nostro testo sul garante prestito.

Come pagare il prestito cambializzato: rate mensili RID o cambiali

Le cambiali possono essere usate a garanzia di un prestito in due differenti modi.

Il primo prevede la sottoscrizione di una sola cambiale che funge da garanzie per tutto il prestito. In questo caso il pagamento del prestito può avvenire tramite RID (addebito diretto in conto corrente).

Il secondo prevede la firma di tante cambiali quante sono le rate del prestito. In questo caso il pagamento periodico viene fatto onorando le cambiali (ovvero pagandole).

Costi aggiuntivi dei finanziamenti cambializzati

Poiché i prestiti cambializzati sono soluzioni che normalmente hanno dei tassi di interesse e dei costi aggiuntivi superiori rispetto ad altre soluzioni (ne abbiamo parlato anche nel nostro testo sui prestiti con cambiali), è importante conoscere tali spese extra per valutare la convenienza del finanziamento.

Tra i costi troviamo:

  • spesa per la sottoscrizione di un’assicurazione sulla vita (nel caso di autonomo)
  • spese di registrazione del contratto di prestito
  • spese legate al bollo cambiario (ne parliamo anche nella pagina specifica di prestiticambializzati360.com
  • costi di istruttoria e spese di apertura pratica

Conclusioni

Abbiamo visto, in questo articolo, qual’è la somma massima che si può chiedere per un prestito cambializzato.  Il vantaggio di chiedere questo finanziamento, benché più costoso della media, è quello di poter accedere al prestito anche se si è cattivi pagatori o se non si ha una storia creditizia propriamente immacolata.

Tra gli svantaggi proprio i maggiori costi rispetto al altre soluzioni.

La scelta finale sta a sé stessi, alle proprie necessità e ai propri bisogni economici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *