venerdì, 24 novembre, 2017
Home / Prestiti Consolidamento Debiti: Guida 2017

Prestiti Consolidamento Debiti: Guida 2017

Sei alla ricerca di informazioni su come riunire tutte le rate di un prestito per pagare di meno, mese dopo mese? La soluzione giusta potrebbe essere il consolidamento debiti, pensata appositamente per chi deve rimborsare più rate e non sa come fare.

Prestiti veloci in 24 / 48 ore »

Nel corso dei mesi e degli anni può capitare di accendere più di un prestito e oggi trovarsi in difficoltà a rimborsare le rate di tutti i prestiti, per cui si potrebbe avere il desiderio di abbassare la rata.

Il consolidamento ha proprio questa funzione:

  • estingue tutti i prestiti in corso;
  • ne rimane solo uno (quello nuovo, di consolidamento);
  • la rata mensile è più bassa e più facile da pagare.

Il prestito per consolidamento dei debiti è un finanziamento simile in tutto e per tutto ad altre tipologie di prestiti personali e di prestiti on line, con la sola differenza della finalità: esso viene richiesto per chiudere uno o più prestiti accesi in passato al fine di usufruire di condizioni economiche più vantaggiose.

Le caratteristiche

Come per ogni altro tipo di prestito personale, anche quello di consolidamento si presenta con alcune caratteristiche tipiche:

  • rata mensile fissa
  • tasso di interesse fisso
  • richiedibile dietro dimostrazione di un reddito da lavoro autonomo, da lavoro dipendente o con una pensione
  • età minima 18 anni
  • residenza in Italia (per gli stranieri occorre mostrare il permesso di soggiorno)

Le garanzie

Di solito non è necessario fornire alcuna garanzia particolare al momento della richiesta di un prestito per consolidamento, anche se spetta alla banca o alla finanziaria decidere.

Se l’importo è particolarmente elevato o se la situazione creditizia del richiedente il prestito non è propriamente “limpida”, ci si potrebbe trovare nella situazione di dover fornire alcune garanzie.

Tra le più comunemente richieste vediamo la fideiussione, ovvero la garanzia con la quale una terza persona (un parente, un amico, il coniuge) si impegna a rimborsare il prestito qualora il debitore principale non lo faccia.

Leggi anche: cos’è la fideiussione

Altre garanzie che potrebbero essere richieste sono un’ipoteca (spesso richiesta nel caso di mutuo per consolidamento, di cui andremo a parlare più sotto) oppure una cambiale. In quest’ultimo caso è possibile che l’istituto di credito chieda la cambializzazione delle rate (ovvero che le stesse vengano pagate tramite cambiali) oppure la firma di una sola cambiale a copertura dell’intero importo.

Per maggiori dettagli ti invitiamo a visitare il nostro sito web prestiticambializzati360.com .

Mutuo di consolidamento vs prestito di consolidamento

Una delle scelte che ci si trova a fare quando si parla di un finanziamento per consolidamento dei debiti è quella tra un mutuo e il classico prestito personale.

Ferma restando la finalità, che è uguale (entrambi servono per ripagare dei debiti contratti in precedenza), quale dei due conviene?

Il mutuo di consolidamento, in quanto tale, richiede necessariamente la presenza di un immobile concesso in ipoteca e, per questo motivo, permette di avere un importo più elevato rispetto a quello che si potrebbe avere con un semplice prestito.

D’altro canto, se non si dovesse avere alcun immobile da fornire in ipoteca o si avesse bisogno di un importo che non va oltre 30.000 euro, il prestito di consolidamento sarebbe forse la soluzione più indicata.

Da un punto di vista dei tassi di interesse, di solito il mutuo ha dei tassi più convenienti rispetto ai prestiti, ma ovviamente bisogna fare un confronto tra i vari tassi delle singole banche e finanziarie per trovare quello più conveniente per le proprie esigenze.

Farsi dare dalle banche e dalle finanziarie un prospetto in cui si riepilogano tutti i costi legati al prestito, con tanto di somma da dover rimborsare in totale, è altamente consigliato e il modo più certo di poter trovare il miglior prestito di consolidamento.