giovedì, 21 settembre, 2017
Home / Prestiti tra Privati Seri, Sicuri e Veloci: guida al social lending 2017

Prestiti tra Privati Seri, Sicuri e Veloci: guida al social lending 2017

Sei alla ricerca di prestiti tra privati seri, finanziamenti alternativi ai classici prestiti personali che si possono chiedere in banca, allora sei nel posto giusto, noi di Mondo Prestiti siamo pronti a darti tutte le indicazioni di cui hai bisogno per trovare il finanziamento di cui necessiti.

Cosa sono e come funzionano i prestiti tra privati?

Iniziamo dalla base, ovvero dalla domanda classica “cosa sono i prestiti tra privati“. Si tratta di finanziamenti che vengono concessi da privati a privati, senza passare per banche né società finanziarie.

Il prestito viene concesso tramite un intermediario che si occupa di far incontrare domanda ed offerta.

Il funzionamento è molto semplice:

  • chi ha del denaro da voler prestare si regista sul sito della compagnia in questione e lo fa in qualità di prestatore;
  • effettua dunque il versamento del denaro scegliendo, tra le altre cose, il tasso desiderato e la durata del prestito.

Un prestatore può anche decidere sia di dare il suo denaro in prestito solo a debitori con alcune classi di rischio oppure a tutti, così come di prestarlo per più tempo o per meno tempo.

Maggiore è il numero di classi cui si decide di rivolgersi, maggiori sono le probabilità di prestare più velocemente il proprio denaro e, alla fine, il compito delle agenzie di prestiti tra privati è quello di far incontrare domanda e offerta, proponendo soluzioni a tassi veramente competitivi.

Quanto tempo richiede prestare denaro? Le offerte dei prestatori sono classificate, per ogni mercato, prima in ordine di tasso di interesse (il più basso ha priorità in classifica) e poi, a parità di tasso, a seconda dell’anzianità dell’offerta (le più vecchie stanno prima in classifica).

Questo significa che le offerte con tassi di interesse più bassi sono le prime ad essere scelte.

Società dove chiederli

Prima di addentrarci nel funzionamento di questo finanziamento, vediamo quali sono le società finanziarie autorizzate ad operare da intermediario al finanziamento:

  • Smartika è iscritta all’albo degli Istituti di Pagamento ex art. 114 septies del T.U.B. con il codice 36020.6
  • Prestiamoci è un marchio registrato da Agata SPA, iscritta al Registro delle imprese di Torino, ha iscrizione REA a Torino con il numero 1081604 ed è iscritta all’Elenco degli intermediari Finanziari – ex art. 106 TUB – con il numero 41663
  • Soisy, marchio vigilato dalla Banca d’Italia, ha l’autorizzazione ad operare in qualità di Istituto di Pagamento

Vedi anche: il sistema Paypal.me per Prestare soldi tra privati

Tutti e tre queste agenzie finanziarie utilizzano le ultime tecnologie di sicurezza per la protezione da accessi indesiderati sui rispettivi siti web.

Perché scegliere dei prestiti tra privati?

Quando non si hanno altre alternative a disposizione, magari perché si è stati segnalati come cattivi pagatori e non si ha modo di accedere ad altri finanziamenti, neanche prestiti per cattivi pagatori, oppure se si è stati segnalati come protestati e non si ha modo di accedere a prestiti per protestati (neanche finanziamenti cambializzati), rivolgersi ad un prestito tra privati potrebbe permettere di ottenere il finanziamento di cui si ha bisogno.

Questo perché le società di intermediazione lasciano liberi i prestatori di scegliere diverse classi di rischio a cui concedere prestiti: si va dalla “A” (non segnalati, non cattivi pagatori) alla “K” (la classe di rischio più elevata).

Il prestatore è libero di scegliere la classe di rischio che preferisce, liberamente e senza vincoli. Solitamente ad una classe di rischio più bassa corrispondono delle remunerazioni minori, mentre ad una classe di rischio più alta corrispondono ritorni economici maggiori.

I prestiti tra privati sono seri, sicuri ed affidabili?

Questi paragrafi sono pensati per chi si chiede “come cerco prestito urgente da privato serio?” Per prima cosa la serietà dipende dal servizio di intermediazione a cui ci si rivolge. I tre che abbiamo elencato sopra sono seri ed affidabili, forti anche della loro esperienza e del fatto che sono tutti autorizzati ad operare come intermediario finanziario direttamente dalla Banca d’Italia.

Poiché non si ha a che fare direttamente con il prestatore, non è possibile valutare la serietà della persona in sé, ma in fondo non è neanche utile farlo: non ha senso cercare di capire se il prestatore è serio quando lo è la società. Chi presta denaro, infatti, deve sottoscrivere un contratto in cui si impegna al rispetto di determinate regole che proteggono entrambe le parti (anche chi cerca denaro) e dunque trovare un prestito tra privati seri dipende esclusivamente dalla società di intermediazione.

Da tenere sempre presente che permane l’obbligo di rimborsare le rate ad un tasso di interesse fisso, altrimenti si può incorrere nella segnalazione come cattivo pagatore, mentre per chi ha del denaro da prestare, la sicurezza viene data dal fatto che i suoi soldi sono divisi tra più richiedenti, così da minimizzare il rischio.

Il nostro consiglio è quello di avvalersi sempre di un broker specializzato, e ovviamente autorizzato a operare in Italia. Il vantaggio è quello dell’esperienza, dato che questi broker gestiscono centinaia di pratiche e possono fornire tutti i consigli del caso, oltre che dare assistenza legale se ce ne fosse bisogno.

I soldi sono al sicuro? (paragrafo per i prestatori)

Chi si trova a prestare denaro tramite uno di questi servizio, si domanda giustamente se i propri soldi sono al sicuro o meno.

Tutti i richiedenti vengono identificati prima di poter fare domanda e sono valutati tramite interrogazione delle banche dati (CRIF, CTC ed Experian). Solo quando tutta la documentazione allegata è giudicata positivamente, allora entrano a far parte del “sistema”.

Il denaro di chi presta viene distribuito, in media, tra 50 diversi richiedenti, in maniera di ridurre al minimo il rischio.

Se un debitore non dovesse effettuare il rimborso delle sue rate, scattano gli interventi delle agenzie di recupero crediti, mentre solitamente la copertura assicurativa dell’agenzia di credito interviene per coprire, in tutto o in parte, eventuali insolvenze.

Il denaro che si versa nel sistema di questi mediatori creditizi viene depositato su due conti correnti (noto come “Conto Deposito Prestatori”), il quale, per legge, non può essere “aggredito” da eventuali creditori.

Prestiti veloci, anche in 24/48 ore

Detto questo, se ci si affida ad una società di intermediazione seria, i prestiti tra privati sono sicuri ed affidabili, i tassi di interesse rientrano nella media del mercato (in diversi casi sono anche più bassi), la facilità di richiederli online li rende anche veloci (la risposta arriva di solito nel giro di 24/48 ore).

Molto ovviamente dipende dalla situazione economica personale di ogni soggetto che richiede il prestito:

  • pensionati e dipendenti ottengono risposte molto velocemente;
  • gli autonomi necessitano di più tempo;
  • i cattivi pagatori, protestati e disoccupati sono spesso rifiutati.

La sicurezza dei prestiti tra persone sono pertanto garantiti dalla serietà delle aziende che concedono i finanziamenti, come detto in precedenza.

Benché si tratti di una modalità di prestito online relativamente nuova, le opinioni e le recensioni del web, anche nel 2017, sono positive. Le previsioni 2018 per questo finanziamento sono di crescita.

Ma non sono illegali?

Assolutamente no, a condizione di rispettare quanto stabilito dalla legge. E’ certamente legale affidarsi ad una società di social lending, in quanto sono autorizzate ad operare direttamente dalla banca d’Italia, ma allo stesso tempo è legale anche prestare denaro ad amici, parenti e conviventi a condizione di rispettare le semplici indicazioni legali in merito.

In questo caso si deve trattare di un prestito senza interessi ed è meglio che sia tutelato da un contratto, redatto in scrittura privata, che attesta il finanziamento.

Piccoli prestiti tra privati

I piccoli prestiti tra privati sono una particolare tipologia di finanziamento, che, ultimamente, sta prendendo sempre più piede per via di alcuni vantaggi rispetto a quelli richiesti alle banche. Di seguito, vedremo nel dettaglio cosa sono i piccoli prestiti tra privati, perché sceglierli e come si suddividono.

I piccoli prestiti tra privati, come si può intuire dal termine stesso, sono delle somme di denaro finanziate da un privato verso un altro privato.

Questi presentano molte differenze rispetto a quelli concessi dalle banche o dagli istituti di credito, con alcuni punti in comune che sono, prima di tutto, la tutela per il prestatore stabilita sotto forma di contratto.

Questo deve, obbligatoriamente, dichiarare la dicitura del mutuo, le generalità di entrambe le parti, la modalità di restituzione della somma finanziata, il tasso d’interesse sotto forma di percentuale (solo dove previsto), condizioni aggiuntive legate al prestito, il giorno della consegna del denaro e la firma delle parti coinvolte nel prestito, quindi anche dei testimoni.

I piccoli prestiti tra privati non sono composti in modo diverso rispetto a quelli promossi dalle banche, ovvero sono anch’essi divisi in prestiti personali e finalizzati. Nei primi non è obbligatorio dichiarare il motivo della richiesta del prestito, quindi come si intende utilizzare la somma concessa, mentre i secondi sono, appunto, “finalizzati” a uno scopo preciso, che deve essere dichiarato.

I piccoli prestiti tra privati sono, inoltre, divisi in “fruttiferi”, dove è presente una percentuale d’interesse – che non deve, comunque, superare il limite stabilito dalla Banca d’Italia –, e “infruttiferi”, dove i tassi d’interesse sono assenti. L’obbligo assente nei confronti degli interessi rappresenta già un enorme vantaggio in questo tipo di prestiti.

Prestiti a parenti, rientrano in questa categoria?

In teoria i prestiti tra parenti potrebbero rientrare nella categoria di finanziamenti tra privati, anche se il funzionamento è leggermente diverso se sono infruttiferi, cioè se il prestatore non guadagna nulla dal prestito. E’ l’esempio in cui un genitore presta del denaro ad un figlio per acquistare una macchina o una casa.

La legge dichiara che il familiare può prestare denaro a condizione di stare attenti al metodo di pagamento, cioè che tutto venga fatto con un bonifico, che è facilmente tracciabile.

Prestiti da privati italiani: convengono? Le nostre conclusioni

Nella maggior parte dei casi, i prestiti da privati in Italia si possono avere ad un tasso di interesse più conveniente rispetto ai classici prestiti personali. Un altro vantaggio è che i cattivi pagatori non sono in genere tagliati fuori dalla domanda, l’unico punto negativo è che il tasso di interesse che essi devono pagare potrebbe essere più alto della media (ma questo accade per tutti i finanziamenti, anche quelli online).

Nel complesso possiamo dire che i prestiti privati italiani sono convenienti:

  • per chi cerca un prestito, permette di averlo a condizioni vantaggiose;
  • per chi ha denaro messo da parte, è possibile prestarlo come soluzione di investimento alternativa ai conti di deposito o al mercato azionario.

Se il tuo obiettivo è prestare denaro ad un figlio, fratello / sorella, o genitore, ti invitiamo a leggere il nostro testo sui prestiti tra parenti e familiari.

A chi è possibile richiedere questo tipo ti prestito?

In generale, i prestiti tra parenti possono essere richiesti tra varie tipologie di utenti: tra amici, parenti, coniugi.

Nel caso dei prestiti tra coniugi non è obbligatoria la restituzione della somma di denaro prestata, dal momento che i beni sono equamente divisi tra entrambe le parti in un matrimonio.

Prestiamoci: giudizi e recensione 2017

Prestiti tra privati: focus su Prestiamoci

Alla ricerca di un prestito conveniente, veloce e sicuro senza passare attraverso banche ed agenzie finanziarie? Prestiamoci offre Prestiti tra privati molto vantaggiosi. Vediamo meglio come funziona questo servizio sempre più utilizzato.

Leggi di più »