mercoledì, 26 luglio, 2017
Home / Prestiti veloci in giornata o quasi, 24/48 ore al massimo dalla richiesta

Prestiti veloci in giornata o quasi, 24/48 ore al massimo dalla richiesta

Hai bisogno di denaro in poco tempo perché devi affrontare una spesa non prevista? In questa pagina ti proponiamo una guida completa ai prestiti veloci, dandoti suggerimenti per poterli ottenere con maggior probabilità, qualunque sia la tua situazione personale. Iniziamo!

Le caratteristiche dei prestiti veloci

Prima di tutto vogliamo elencare una serie di caratteristiche di quelli che possono essere considerati “prestiti veloci”, o rapidi.

  • Sono finanziamenti ottenuti nella maggior parte dei casi in giornata o quasi, 24/48 ore al massimo dalla richiesta;
  • Sono solitamente di piccolo importo, da 1.000 a 3.000 euro, subito;
  • Si possono richiedere anche online;
  • Sono a firma singola, quindi non è necessario avere un altro garante per poterli avere;
  • I documenti necessari per fare domanda sono sempre gli stessi: copia della busta paga o del cedolino della pensione, copia di una dichiarazione dei redditi, documenti di identità;
  • Sono spesso facili da ottenere in virtù dell’importo ridotto;
  • Possono essere chiesti anche da chi non ha solide garanzie da fornire, come i disoccupati o le casalinghe;
  • Gli istituti di credito che li offrono sono numerosi: Agos, Poste Italiane (come si dice, alla Posta), Findomestic, BNL, BPM, Cofidis, Fiditalia;
  • E’ facile mettere a confronto i preventivi (soprattutto grazie a servizi come SuperMoney) e trovare i prestiti più convenienti e meno costoso;
  • Si parla anche di mini prestiti o di micro prestiti, indifferentemente, per indicare proprio finanziamenti urgenti di piccoli importi.

Chi può ottenere dei prestiti veloci

Prestiti veloci per dipendenti. Sono tra i più facili da ottenere perché la garanzia che è fornita dallo stipendio e dal TFR sono eccellenti e permettono di avere prestiti anche per importi sostanziosi, di conseguenza ottenere un finanziamento piccolo e veloce nella maggior parte dei casi non è un problema. Possono essere richiesti sia da dipendenti statali che privati (dunque INPS o ex-INPDAP), la modalità di concessione è quella di prestiti veloci con cessione del quinto.

Prestiti veloci per pensionati. Anche in questo caso è molto semplice ottenere un prestito in 24/48 ore grazie alla presenza della pensione, che funge da garanzia eccellente. Anche in questo caso viene usato lo strumento della cessione quinto.

Prestiti veloci senza busta paga per autonomi. Di solito gli autonomi, i liberi professionisti e gli imprenditori in genere non hanno difficoltà ad ottenere un finanziamento per piccoli importi. Delle eccezioni potrebbero essere i casi in cui si è segnalati come cattivi pagatori o come protestati, ma con le adeguate garanzie le possibilità di ottenere credito aumentano. Non ci sono invece particolari limiti per i titolari di ditte individuali.

Prestiti veloci per disoccupati. Nel caso in cui non si abbia un lavoro diventa difficile ottenere un prestito, anche se di soli 1000 euro e veloce. Questo perché manca la garanzia principale di un’entrata fissa mensile (come uno stipendio, ad esempio) e essendo senza reddito non si può rassicurare l’istituto di credito sulla propria capacità di rimborso.

Prestiti veloci per giovani e studenti. Vale di solito lo stesso discorso fatto fino ad ora: se si ha un lavoro si può facilmente avere dei prestiti in poco tempo, se invece non si ha un lavoro o si sta studiando, diventa più complesso. Un’eccezione, in questo secondo caso, è quella dei prestiti per lo studio, finalizzati cioè ad aiutare lo studente e pagarsi gli studi (l’importo ricevuto non può, ovviamente, essere speso per altre finalità diverse).

Prestiti veloci per aziende. In questo caso la società finanziaria o la banca valutano la situazione aziendale, i suoi libri contabili per capirne l’andamento. E’ relativamente semplice per un’azienda che va bene avere prestiti in poco tempo.

Prestiti veloci tra privati. In Italia operano delle aziende, autorizzate dalla Banca d’Italia quindi perfettamente legali, che propongono prestiti tra privati. Si tratta di finanziamenti, anche rapidi e/o urgenti, che sono concessi mettendo a disposizione il denaro di altre persone che desiderano guadagnare investendolo in tali imprese. Diciamo che il fondo da cui queste aziende (Smartika e Prestiamoci, in Italia) attingono non è denaro proprio, ma di altre persone che lo mettono a disposizione.

Prestiti veloci per cattivi pagatori e protestati. Chi ha avuto disguidi finanziari in passato troverà particolarmente complesso riuscire ad ottenere ancora credito, in realtà non è così difficile come potrebbe sempre se si hanno le giuste garanzie. Dipendenti e pensionati non hanno praticamente mai difficoltà (soprattutto per prestiti urgenti e di piccoli), mentre gli autonomi segnalati in CRIF dovrebbero fornire delle garanzie extra, come un garante o delle cambiali firmate. In ogni caso, i prestiti anche a cattivi pagatori e protestati sono possibili.

Prestiti veloci con cambiali. Chi chiede prestiti veloci con cambiali è solitamente l’autonomo cattivo pagatore, che non ha altrimenti modo di avere accesso al credito.

Prestiti ipotecari veloci. Sono prestiti particolari che vengono concessi a chi ha un immobile di proprietà e può accendervi un’ipoteca sopra. Di solito per piccoli importi non è mai necessario arrivare a tanto (anche perché accendere un’ipoteca ha i suoi costi).

Prestiti veloci tasso zero. L’unica possibilità di avere prestiti rapidi a tasso zero è quando si fa richiesta di prestiti finalizzati, ovvero ottenuti appositamente per comprare un determinato bene o servizio. Ci viene in mente un prestito a tasso zero per computer, che si ottiene di solito nel giro di 1 ora al massimo, oppure i finanziamenti Ikea, anch’essi ottenibili in giornata nella maggior parte dei casi. Se proprio non si riesce a trovare un finanziamento a tasso zero, si potrebbero comunque trovare dei prestiti a tasso basso e conveniente, soprattutto online.

Prestiti veloci online

I prestiti on line sono uno dei migliori modi per poter ottenere prestiti in poco tempo, anche senza garanzie. Internet ha ridotto di tantissimo i tempi necessari per poter ottenere un finanziamento veloce e, in diversi casi, ha semplificato la procedura.

Chiedere un preventivo gratuito e senza impegno è una cosa che si può fare da casa, con un computer o addirittura con uno smartphone. La convenienza e la sicurezza, grazie anche alla firma digitale, sono sempre ai massimi.

Possono farlo sia i dipendenti che i pensionati, così come i liberi professionisti, gli autonomi in generale e le aziende.

In che città italiane si possono chiedere prestiti veloci?

Considerando che i prestiti veloci online sono aperti a tutti, se si preferisse fare in maniera classica, quindi andare presso la sede di una banca o di una finanziaria e chiedere un prestito, la richiesta può essere fatta praticamente in ogni città italiana più o meno grande: Torino, ma anche Brescia, Bologna o Bergamo, Bari, Ferrara, Genova, Milano, Modena, Mantova, Firenze e Roma, giusto per citarne alcune.

Che importi si possono avere con i prestiti veloci?

Dipende molto dalla finanziaria presso cui si fa richiesta di prestiti veloci, ma in linea di massima si parte da 500 euro per arrivare a somme di 3000 euro, con tutte le “sfumature” intermedia: 1000 euro, 1500 euro, 2000 euro. Difficile vedere importi più elevati, come 5000 euro o addirittura 30000 euro ad esempio, anche se con le giuste garanzie non sono da escludere.

Prestiti veloci via SMS

Si tratta di una particolare procedura di finanziamento che viene attivata, da alcune finanziarie, per chi è già cliente. In pratica, si manda un SMS ad un certo numero di telefono (fornito dalla finanziaria o dalla banca) e nel giro di pochissimo tempo, anche 1 ora o comunque nella maggior parte dei casi in poche ore, si ottiene l’accredito della somma richiesta sul proprio conto corrente.

Si può fare domanda di prestiti via telefono?

Alcune società finanziarie offrono questo particolare servizio e permettono ai clienti, vecchi e nuovi, di chiedere prestiti veloci telefonici. Da tenere presente, in ogni caso, che anche se la richiesta è fatta al telefono, i documenti necessari dovranno comunque essere spediti alla società finanziaria per la valutazione, dunque questa soluzione non è così tanto veloce. Meglio fare tutto on line.