martedì, 14 agosto, 2018
Home / Migliori Prestiti per Acquisto Arredamento Casa: Guida 2018 / Comprare la cucina a rate: come fare, info tasso zero.

Comprare la cucina a rate: come fare, info tasso zero.

Per comprare la cucina a rate puoi scegliere tra due opzioni: fare domanda di finanziamento direttamente presso l’azienda che vende i mobili, oppure rivolgerti ad una delle banche e finanziarie che propongono prestiti online pensati anche per rinnovare gli arredi di casa.

In questo articolo andremo a vedere quale delle due soluzioni è migliore e approfondiremo l’argomento del comprare la cucina nuova a rate.

Finanziamento presso l’azienda che vende la cucina

Questa soluzione è spesso la più comoda: ci si trova già presso il mobilificio che vende la cucina ed è davvero molto rapido, alla cassa, decidere di fare il pagamento con un finanziamento. In termini tecnici questo tipo di prestito è noto come “finalizzato” perché viene concesso per acquistare un dato oggetto specifico (in questo caso, la cucina).

Per quanto riguarda la convenienza, diciamo che spesso si rivela essere la scelta migliore perché tante aziende propongono dei prestiti a tasso zero (LEGGI ANCHE: come riconoscere il vero tasso zero) o a condizioni agevolate (ad esempio i prestiti senza spese accessorie).

> Leggi anche: La nostra Guida ai Prestiti Mobili ed Arredamento

La procedura da fare è solitamente la seguente:

  • al momento del pagamento, si comunica che si vorrebbe procedere con un finanziamento;
  • si viene accompagnati presso il servizio clienti, che di solito ha un’area dedicata solo ai prestiti (anche per questioni di privacy);
  • si procede con la compilazione della domanda di prestito, che viene poi inoltrata alla finanziaria direttamente dal venditore;
  • di solito si riceve una risposta in poco tempo, se non fosse così è possibile andar via e attendere la chiamata del venditore, che comunicherà l’esito della richiesta;
  • se la domanda è stata accettata, si può tornare presso il mobilificio, procedere sia con il contratto di prestito che con la vendita.

Se il prestito dovesse essere rifiutato, bisogna assolutamente evitare di chiederne un altro subito ma piuttosto è importante cercare di capire il perché della risposta negativa.

Prestiti online

In alternativa si può fare domanda di prestiti personali online, nel classico modo, attendere la risposta di fattibilità e ricevere l’accredito sul proprio conto corrente, poi prendere quel denaro e andare presso un mobilificio per comprare la cucina in contanti.

Questo tipo di prestito è noto come non finalizzato, nel senso che il denaro che si riceve in prestito può essere speso per qualunque cosa (in questo caso l’acquisto di una cucina nuova).

Il vantaggio di questa soluzione, se non si riescono a trovare delle promozioni di prestiti finalizzati in corso, è quello di poter contare sui tassi vantaggiosi dei prestiti online.

La procedura da fare è la seguente:

  • si chiedono più preventivi, così da poterli confrontare in maniera più semplice e più completa;
  • si sceglie quello che soddisfa di più;
  • si presenta la domanda e si attende risposta;
  • se la risposta è positiva, si prende la somma del finanziamento e si va a comprare la cucina pagandola in contanti (usando i soldi del prestito).

Quale soluzione conviene per comprare la cucina a rate?

Lasciando perdere un discorso di comodità, diciamo che la scelta deve essere fatta sempre confrontando i tassi di interesse proposti (ricordatevi di confrontare il TAEG), dove nella maggior parte dei casi, il prestito con il tasso TAEG più basso è anche quello che conviene.

Chi offre prestiti per comprare una cucina a rate?

Oggi praticamente qualunque negozio di arredi e cucine offre finanziamenti finalizzati: Store Gruppo Lube, Ikea, Stosa Cucine, ecc. Dovete solo scegliere il negozio migliore per la vostra idea e per il budget a disposizione.

Chi può chiedere i finanziamenti per le cucine a rate?

La domanda può essere fatta da tutti coloro che hanno delle entrate dimostrabili:

  • lavoratori dipendenti, di solito anche se neoassunti e con un contratto a tempo determinato;
  • pensionati, sia ex lavoratori del settore pubblico che privato;
  • autonomi, che possono fare domanda di finanziamento cucina senza busta paga;

Per cattivi pagatori e protestati diventa difficile la strada del prestito finalizzato, mentre ha maggiori possibilità il prestito veloce online o il prestito tra privati.