giovedì, 19 luglio, 2018
Home / Prestito matrimonio: Pagare a Rate Conviene?

Prestito matrimonio: Pagare a Rate Conviene?

Prestiti per gli sposi, per il matrimonio: tenendo presente che il costo di un matrimonio non è indifferente, tra bomboniere, il pranzo con i parenti, i vestiti dei due protagonisti, il viaggio di nozze, l’affitto della macchina, il fotografo… la spesa, alla fine, potrebbe lievitare e salire tranquillamente anche a 4 zeri ed oltre.

Per tutte le coppie che vogliono fare il grande passo ma che non possono pagare tutto in contanti (o semplicemente non vogliono farlo), le alternative sono due:

  • ricorrere a mamma e papà, spesso infatti sono i genitori degli sposi a farsi carico delle spese legate al matrimonio (in tutto o in parte)
  • richiedere un prestito per il matrimonio

Prestiti per il matrimonio, quali i più convenienti?

Facendo una semplice ricerca in Google, vediamo che tra le agenzie finanziarie che offrono prestiti per il matrimonio c’è Findomestic.

Findomestic

Quest’agenzia propone un generico “prestito cerimonie” con TAN fisso del 6,65% e TAEG del 6,85%. I requisiti per accedervi sono i soliti:

  • età compresa tra 18 e 75 anni
  • reddito dimostrabile
  • residenza in Italia
  • avere un conto corrente bancario (necessario sia per ricevere il denaro che per pagare le rate tramite addebito diretto RID)

Findomestic propone per questo finanziamento la firma digitale, la possibilità di cambiare rata anche ogni mese e nessun costo accessorio (prestiti a zero spese).

Essendo, come detto prima, dei generici finanziamenti cerimonie, i beni ed i servizi finanziabili sono:

  • matrimoni
  • anniversari di nozze
  • battesimo
  • feste di laurea
  • comunioni
  • cresime

Chiedi un preventivo di prestito

Agos Ducato

Agos è un’altra agenzia finanziaria che concede finanziamenti per matrimoni. Si tratta di un finanziamento flessibile, che si può rimborsare a seconda delle proprie necessità personali. Le condizioni economiche di questo finanziamento Agos sono TAN fisso 5,56% e TAEG 6,17% .

Ipotizzando un importo del credito pari a 10.000 € , l’importo totale dovuto sarà di 13.320 €. Nel TAEG è inclusa anche la commissione di istruttoria pari a 200€. Le spese legate al bollo, al rendiconto annuale e a quello di fine rapporto, oltre che i costi di gestione pratica, sono tutti pari a zero.

Prestiti Matrimonio, cosa c’è da sapere

La richiesta di un finanziamento per il matrimonio è di solito legata alla presentazione del certificato di nozze, documento che attesta lo svolgimento dell’evento.

A seconda della finanziaria o della banca presso cui si fa domanda, potrebbero essere necessari altri documenti, per saperne di più conviene rivolgersi direttamente all’istituto di credito, che sarà lieto di fornire maggiori informazioni.

Prestiti matrimonio INPDAP, le particolarità

Un discorso leggermente diverso deve essere fatto per i prestiti matrimonio richiesti da dipendenti o pensionati INPDAP (dunque del settore pubblico).

In questo caso il finanziamento viene concesso dopo aver fatto domanda all’INPS (che si occupa anche dei prestiti INPDAP). I prestiti per il matrimonio vengono fatti rientrare all’interno della categoria di quelli quinquennali (durata massima 60 mesi) e sono concessi ad un TAN del 3,50%.

Per saperne di più ti invitiamo a visitare la nostra guida ai prestiti matrimonio INPS INPDAP.

Prestiti per il matrimonio di un figlio

Indipendentemente dal fatto se la richiesta di finanziamento viene fatta per sé stessi o se è fatta per un figlio, non cambiano le condizioni del credito ottenibile.

E’ fondamentale, invece, presentare una documentazione che attesta l’effettivo grado di parentela tra chi richiede il finanziamento (il genitore, in questo caso) e l’effettivo beneficiario dello stesso (il figlio o la figlia che contraggono matrimonio).

In conclusione, chiedere un prestito matrimonio conviene?

La risposta è che la scelta finale dipende da ognuno di noi. Alcuni potrebbero trovare conveniente diluire la spesa della cerimonia per alcuni anni, altri invece preferiscono togliersi “subito il dente” e non pensarci più.

Per chi optasse per la prima soluzione, ovvero il prestito, c’è anche da dire che trattandosi di rate mensili di importo fisso, si può avere la tranquillità di sapere sempre quello che si paga, mese dopo mese, e di organizzare di conseguenza il proprio budget.

Prestiti Matrimonio INPS e INPDAP, la guida completa

Prestiti matrimonio INPS ex-INPDAP al fine di pagarne il costo a rate: una delle scelte che si fa sempre con il sorriso sulle labbra, vuoi per la possibilità di avere un giorno come lo si era sognato di bambini, per quella di intrattenere parenti ed amici con un sontuoso pranzo, di fare …

Leggi di più »