giovedì, 19 Settembre, 2019
Home / Prestiti Senza Busta Paga e Garante. Da 1 ora a 24 ore, Focus Online 2019

Prestiti Senza Busta Paga e Garante. Da 1 ora a 24 ore, Focus Online 2019

Se stai cercando informazioni sui prestiti senza busta paga, in questo articolo vogliamo fornirti tutte le indicazioni di cui hai bisogno, come al solito in maniera sincera.

Oltre a questo, a fine articolo analizzeremo anche le migliori alternative tra cui puoi scegliere.

Cosa sono i prestiti senza busta paga?

Iniziamo dalla definizione di “prestiti senza busta paga”: si tratta di quei finanziamenti che possono venire richiesti da soggetti, lavoratori, che non hanno una busta paga a garanzia.

E’ una definizione piuttosto ampia che include tutta una serie di soggetti.

Prestiti senza busta paga: in un’ora, in 24 ore o meno

Per ottenere dei prestiti veloci senza la busta paga, molto dipende dalla somma richiesta e dalle garanzie che si possono offrire.

Si va da prestiti ottenuti in un’ora (urgenti), nei casi in cui le garanzie offerte siano buone, il soggetto è già conosciuto dall’istituto di credito e le somme sono piccole, a 24 ore nei casi in cui le somme sono un po’ più grandi, fino ad alcuni giorni se è la prima richiesta di prestito che si fa, se si hanno problemi finanziari che devono essere analizzati o se la somma richiesta è importante (oltre 20.000 euro in genere).

A volte i prestiti senza la busta paga possono essere richiesti senza particolari problemi ed ottenuti anche in poco tempo. Come in ogni tipologia di finanziamento, la garanzia offerta fa davvero tutta la differenza del mondo, per cui prima di presentare domanda, soprattutto se si ha bisogno urgentemente di denaro, conviene tenere a mente i seguenti punti:

  • non essere cattivi pagatori
  • avere un’attività d’impresa da almeno 12 mesi, meglio se 24
  • avere ovviamente un buon CUD
  • avere un garante (fidejussore)

Chi li può richiedere?

Lavoratori autonomi

Gli autonomi sono il classico soggetto per cui i prestiti senza la busta sono pensati.

Si tratta di tutti coloro che gestiscono un’impresa, di grandi o piccole dimensioni; in quanto imprenditori non hanno una busta paga nel senso stretto del termine, ma un reddito che deriva dagli utili che la sua azienda è capace di generare.

E’ proprio questo reddito ad essere usato come garanzia di rimborso da parte della società finanziaria, per cui è importante mostrare un buon 730 ed è fondamentale non avere avuto problemi finanziari in passato.

Per approfondimenti:

Giovani che vogliono avviare un’attività

I giovani che non hanno un lavoro e vogliono avviare un’attività economica, possono fare domanda di prestiti senza la busta.

In questo caso si rientra anche nella categoria dei prestiti aziendali per avviare un’attività economica, per cui bisognerà anche e soprattutto fornire chiare indicazioni su che attività si vuole aprire e dimostrare che ci sono potenzialità di crescita.

Disoccupati

Nella pratica quando si parla di finanziamenti senza avere una busta paga si pensa subito alla possibilità di avere credito anche nel caso di disoccupazione. In realtà, sono due cose ben diverse.

Si tratta di finanziamenti che vengono concessi a chi non può vantare una busta paga, come i disoccupati, ma anche gli autonomi con poco reddito, le casalinghe e, a volte, anche coloro che hanno un contratto di lavoro a tempo determinato davvero breve.

La somma che si può riuscire ad ottenere di solito non va oltre 5.000 euro, ma molto dipende dalla società finanziaria a cui ci si rivolge e da eventuali garanzie extra che si è in grado di fornire.

Per approfondimenti:

Casalinghe

Le casalinghe rientrano all’interno dei “senza busta paga” in quanto questo lavoro non è remunerato. Al tempo stesso rientrano anche all’interno della definizione di “senza redditi”, per cui ad oggi non è così semplice per una donna che non lavora riuscire a trovare un prestito.

La garanzia del coniuge potrebbe essere una buona soluzione, così come la richiesta di piccoli importi.

Per approfondimenti:

3 alternative ai prestiti senza busta paga

Se la tua richiesta non dovesse avere successo e la tua domanda di prestito dovesse essere rifiutata, per prima cosa è importante sapere cosa fare, poi devi partire per iniziare a valutare delle alternative che potrebbero tornarti utili.

Carte di credito revolving

Si tratta di una tipologia di carte di credito concessa da banche e finanziarie che permettono di avere un fido bancario da poter usare in ogni momento, anche per la spesa quotidiana.

Non tutti possono riuscire ad ottenere queste carte, ma prima ancora di fare domanda dovete capire se possono fare al caso vostro: tenete presente, ad esempio, che le carte revolving hanno degli interessi molto alti da pagare (attorno al 20%), per cui prima di entrare in questo “circolo” capite se ne avete assolutamente bisogno.

Attenzione: queste carte sono differenti dalle carte prepagate, che invece sono soluzioni che non danno accesso ad alcun credito in quanto, per poterle usare, è necessario caricarvi del denaro.

Fatevi dare il denaro da parenti o familiari

Se proprio non riuscite ad ottenere un prestito senza busta paga, allora potete chiedere denaro a parenti o familiari, oppure magari degli amici.

Tenete presente che si tratta di un prestito non remunerato che potremmo più facilmente chiamare prestiti tra parenti e familiari.

I prestiti tra privati

Si tratta di una tipologia di finanziamento particolarmente interessante in quanto sta prendendo piede da qualche tempo a questa parte e le previsioni sono di forte crescita.

Ad oggi, gli istituti di credito che propongono prestiti tra privati in Italia sono tre: Prestiamoci e Smartika sono gli “storici”, Soisy è l’ultimo arrivato che cercherà di “sfruttare la scia” della crescita di questi finanziamenti per il 2019 e per il 2020.

Migliori banche e finanziarie che concedono prestiti senza busta paga

Ovviamente non è semplice trovare finanziarie che danno prestiti senza busta paga, ma nonostante questo alcune opportunità ci sono.

Quali banche concedono prestiti senza busta paga?

  • Compass: propone prestiti per autonomi fino a 30.000;
  • Findomestic: altra società finanziaria che offre diverse soluzioni per i senza busta;
  • Poste Italiane: peri clienti che hanno un conto corrente postale ci sono opportunità vantaggiose;
  • Agos Ducato: società finanziaria che propone diverse soluzioni per autonomi e liberi professionisti

Preventivo prestito online senza busta paga

Non tutte le società finanziarie concedono prestiti senza busta paga e non è sempre facile trovarli, noi vi consigliamo di chiedere un preventivo online, la soluzione più comoda e veloce per avere un preventivo di spesa direttamente in e-mail, facendo domanda stando a casa propria.

Come ottenere prestiti senza busta paga: 7 consigli

Il garante

E’ indubbiamente la prima risorsa da “sfruttare” per avere un prestito se non si ha una busta paga. Il garante, noto anche come fidejussore, si fa carico del finanziamento impegnandosi a rimborsarlo se il debitore principale non paga. Per legge, può poi rifarsi su di esso per riavere le somme anticipate per suo conto.

Fare il garante è un impegno che deve essere ragionato con accortezza perché è fondamentale avere la certezza di poter essere economicamente capaci di pagare il prestito del debitore principale: se egli non paga, e non lo fa neanche il garante, tutti e due finiscono nel registro dei cattivi pagatori.

La fidejussione è una cosa seria, non bisognerebbe mai accettarla “per gioco” o solo per fare un favore ad un amico o un parente: si rischia seriamente l’iscrizione nel registro cattivi pagatori se non si tiene fede agli impegni accettati.

Del garante e della garanzia sui prestiti ne abbiamo già parlato nella nostra guida al garante dei prestiti, cui ti rimandiamo.

Prestiti garantiti da enti

L’Unione Europea garantisce la possibilità di richiedere dei prestiti che rientrano nella categoria del “microcredito”, ovvero piccoli prestiti per aziende e famiglie che sono garanti dalla Regione. Grazie a degli accordi, l’ente regionale si pone, di fronte alla banca, come garante in favore del soggetto o dell’azienda che ha bisogno di soldi.

La somma massima che si può ottenere è in generale 10.000 € per i privati e 25.000 euro per le imprese.

Le cambiali

Sottoscrivere delle cambiali è spesso una valida forma di garanzia per un finanziamento. Possono essere ottenuti più facilmente da parte di chi non ha mai avuto disguidi finanziari in passato.

Le cambiali non sono però accettati da tutti gli istituti di credito, per cui bisogna cercare con attenzione prima di fare domanda se quello preferito offre questa opportunità o meno. Per maggiori informazioni, leggi il nostro articolo sui prestiti cambializzati senza busta paga.

Prestiti d’onore per gli studenti

Questa tipologia di prestito è riservata agli studenti che frequentano l’università o un master e hanno bisogno di denaro per potersi finanziare gli studi. Il diritto allo studio garantisce questi prestiti, che possono essere richiesti da chi ha una media universitaria maggiore di un certo livello minimo e un certificato ISEE (il reddito familiare) inferiore ad un certo ammontare.

Prestiti tra privati senza la busta

Sono una forma di prestito che viene richiesta non attraverso una banca o una finanziaria classica, ma attraverso un mediatore creditizio che si occupa di far incontrare la domanda e l’offerta di prestiti.

Abbiamo già parlato dei prestiti tra privati e ti rimandiamo a quella pagina per maggiori informazioni, oltre che a quella dei piccoli prestiti tra privati che potrebbe tornarti più utile se hai bisogno di un prestito di pochi soldi. Inoltre, ti segnaliamo la nostra guida ai prestiti tra privati seri.

Prestiti su pegno

E’ una tipologia di prestiti cui possono accedere agilmente coloro che non hanno una busta paga ma possono presentare degli oggetti a pegno e ottenere, in cambio, il loro controvalore economico.

Per poter avere questi prestiti è possibile rivolgersi a delle agenzie di pegno appositamente costituite, fate una ricerca su internet per trovare quella più vicina a casa vostra.

Attenzione alle truffe

Molto spesso si leggono su internet delle proposte di prestiti concesse praticamente a tutti, senza alcuna distinzione. Si tratta, per lo più, di truffe da cui occorre stare necessariamente attenti e che bisogna denunciare prontamente alla Polizia Postale.

Spesso chi cerca un prestito senza busta è disposto a chiudere un occhio di fronte a tassi più alti della media, oppure condizioni di credito poco chiare, fidandosi dell’altra persona.

Occorre sempre dubitare di quelle offerte troppo belle per essere vere. Inoltre, bisognerebbe sempre farsi mettere per iscritto, con un contratto che abbia valore legale, tutte le condizioni del finanziamento e i dettagli di chi presta il denaro.

Da tenere presente la questione “tassi”: in genere i finanziamenti no busta hanno dei tassi di interesse più elevati della media, ma comunque al di sotto della soglia dei tassi usurai, che vengono stabiliti dalla banca d’Italia e che potete controllare a questo indirizzo web.

Prestiti Personali Senza Busta Paga e Protestati

Prestiti Senza Busta Paga e Garante

Prestiti personali senza busta paga e protestati, un binomio che non sempre ha delle buone possibilità di riuscita. Ci sono delle buone ragioni per le quali è onestamente difficile poter trovare un prestito se si è subìto un protesto e non si ha una busta paga. Motivo #1. Manca la busta paga …

Leggi di più »