lunedì, 18 dicembre, 2017
Home / Guide Utili / Quando Conviene Estinguere Anticipatamente un Prestito e Quando No

Quando Conviene Estinguere Anticipatamente un Prestito e Quando No

Uno dei modi migliori per riuscire a risparmiare un po’ di denaro nella fase di rimborso di un prestito è quello di estinguere prima della scadenza.

Ogni contratto di prestito ha una data di fine, questo è vero, ma la legge ci dà facoltà di decidere se estinguere in via anticipata il nostro debito e beneficiare di un potenziale risparmio di interessi.

Perché estinguere prima della scadenza un prestito?

Le motivazioni possono essere tante e possono dipendere principalmente da due fattori:

  • si ha la liquidità necessaria per poterlo fare
  • si è deciso di far richiesta di un prestito di consolidamento per riunire due o più prestiti, che dunque vengono chiusi (contemporaneamente se ne apre un altro, quello di consolidamento).

Quali che siano le ragioni dietro la decisione di estinguere in via anticipata un finanziamento, bisogna prendere questa decisione in maniera avveduta e non lanciarsi all’avventura.

Estinzione anticipata del prestito: quando conviene?

Poiché il rimborso delle rate di un prestito personale viene calcolato secondo la pratica dell’ammortamento francese, i maggiori vantaggi economici si hanno se si effettua l’estinzione poco dopo l’apertura del finanziamento. Prima la si fa e meglio è.

Ammortamento francese ed estinzione anticipata del prestito

Questa tipologia di ammortamento, infatti, prevede che le prime rate siano composte da una quota interessi più alta rispetto alla quota capitale (il che significa che ogni rata che si paga all’inizio è composta per la maggior parte da interessi e in una minima parte da capitale). Mano a mano che si va avanti con il rimborso, la quota interessi diminuisce e la quota capitale aumenta.

Se si fosse sottoscritto un prestito a 10 anni, ad esempio, le ultime 12 rate (quelle dell’anno finale) sarebbero quasi tutte quota capitale e solo in minima parte quota interessi. Estinguere anticipatamente tale finanziamento nel corso dell’ultimo anno di vita darebbe dei vantaggi irrisori, che forse non vale la pena prendere in considerazione.

Come fare a capire se conviene estinguere in via anticipata il prestito, o no?

Semplice: andate in banca o presso la società finanziaria e fatevi dare il prospetto di rimborso del prestito. Si tratta di un foglio dove troverete indicata la storia del rimborso di tale finanziamento, dalla prima all’ultima rata rimborsata. Qui potrete trovare l’indicazione degli interessi ancora da pagare.

A questo punto fatevi dire con precisione a quanto ammonterebbe la penale nel caso in cui voleste rimborsare anticipatamente la somma e fate un semplice confronto mettendo a paragone il totale degli interessi ancora da rimborsare e il costo della penale e traete le vostre considerazioni.

Attenzione alle penali

Una delle cose a cui bisogna, infatti, fare attenzione, sono le penali di estinzione anticipata. Si tratta, in sostanza, di una percentuale che viene calcolata sul capitale residuo e che deve essere pagata alla società finanziaria o alla banca a mo’ di rimborso per l’estinzione del prestito prima della scadenza.

Cosa prevede la legge

Sono tre le situazioni che la legge prevede in termini di penali per l’estinzione anticipata dei prestiti:

  • se il debito residuo è inferiore a 10.000 € , non c’è nessuna penale da pagare
  • se il debito totale ancora da rimborsare è maggiore di 10.000 € e la durata residua del prestito è di oltre 1 anno, la penale è del 1%
  • se il debito totale ancora da rimborsare è maggiore di 10.000 € ma la durata residua del prestito è inferiore a 1 anno, la penale è dello 0,5%

In nessun caso l’importo della penale potrà essere superiore a quello degli interessi che si pagherebbero se si andasse fino in fondo con il rimborso del finanziamento.

Che tipologie di finanziamenti si possono estinguere prima della scadenza?

Non c’è alcuna distinzione: finanziamenti finalizzati come prestiti auto o moto, finanziamenti non finalizzati come prestiti personali e cessioni del quinto, prestiti INPS ed ex-INPDAP.

La richiesta di rimborso dev’essere fatta alla società finanziaria presso cui si è fatto domanda di prestito, mentre nel caso di finanziamenti per dipendenti e pensionati INPS, la richiesta dev’essere fatta all’ente previdenziale e la procedura si svolge completamente online presso l’area riservata INPS.

Il rimborso parziale

Oltre che l’estinzione totale del prestito, la legge prevede anche la possibilità di rimborsarne solo una parte. In questo caso si possono scegliere due alternative:

  • lasciare inalterata la durata del finanziamento e diminuire la rata mensile
  • lasciare inalterata la rata e diminuire la durata residua

Il rimborso dell’assicurazione sui prestiti

Se in fase di stipula del contratto di finanziamento si sottoscrive anche un’assicurazione sui prestiti e la si paga tutta in anticipo, è sempre bene verificare tra le clausole della stessa se è previsto un rimborso anche per il premio non ancora goduto, ovvero quella parte che si riferisce al finanziamento rimborsato in anticipo.

Richiesta anticipata estinzione piccolo prestito Inps e ex-Inpdap

Nel caso di estinzione anticipata di un piccolo prestito ex-INPDAP bisogna semplicemente fare richiesta del conteggio estintivo, procedura che si effettua online sull’area riservata INPS (scopri come ricevere il codice PIN dell’INPS).

Se non sapete come procedere, potete rivolgervi alla sede locale INPS della vostra città.

In conteggio estintivo è il documento che attesta le rate già pagate e quelle ancora da pagare. In questa maniera si conosce l’importo che bisogna rimborsare per estinguere il prestito (sempre senza penali). L’INPS rimborserà al cliente la quota del fondo rischi che è stata versata, in anticipo, come garanzia del finanziamento.

Estinzione anticipata della cessione del quinto

L’estinzione anticipata del finanziamento può avvenire anche per la cessione del quinto dello stipendio e, anche in questo caso, la penale massima a cui si può andare incontro è del 1% del capitale residuo.

Nel caso della cessione del quinto sono da considerare perse le spese sostenute per il bollo e per l’istruttoria. Se previsto dal contratto, invece, si possono recuperare le commissioni bancarie e la parte di assicurazione sulla vita (se pagata tutta all’inizio del finanziamento) riferita alla quota di finanziamento rimborsata in via anticipata.

Quali sono le finanziarie e le banche che permettono l’estinzione anticipata?

Secondo la legge italiana, tutte le banche e le finanziarie devono mettere a disposizione dei propri clienti l’opportunità di estinguere anticipatamente un prestito, senza pagare penali.

Agos Ducato, Findomestic, Compass, Poste Italiane… per poter procedere alla chiusura del prestito prima della scadenza bisogna contattare il servizio di assistenza e chiedere informazioni sulla procedura da adottare.

Check Also

pagamento rateale

Il Pagamento Rateale, come funziona?

Che cos'è il pagamento rateale e come funziona? Che cosa si può comprare a rate? In questo approfondimento ti parliamo delle rate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *