martedì, 7 Aprile, 2020
Home / Cessione del Quinto Opinioni / Prestiti senza controllo CRIF

Prestiti senza controllo CRIF

prestiti senza controllo CRIF vengono concessi senza necessità di effettuare alcun controllo di solvibilità del richiedente all’interno dei registri dei cattivi pagatori. Non tutti possono riuscire ad ottenerli, e anzi c’è bisogno di particolari condizioni, che andiamo a vedere di seguito.

Prestiti senza controllo CRIF, chi li può ottenere?

Lavoratori dipendenti

I dipendenti sono molto agevolati nella richiesta ed ottenimento di finanziamenti personali, soprattutto se hanno un contratto a tempo indeterminato.

La busta paga fornisce, nella maggior parte dei casi, una garanzia sufficiente all’ottenimento di un prestito anche fino a 30.000 euro.

Soprattutto per dipendenti statali, considerando la solidità del tipo di lavoro, il controllo CRIF viene omesso o, se effettuato, potrebbe non avere un peso predominante all’interno del processo di valutazione. Lo stesso discorso vale per i dipendenti di grandi aziende private, che sono considerate sicure nella maggior parte dei casi.

Diverso è il discorso per i dipendenti privati di piccole aziende, per i quali viene controllata sia l’eventuale iscrizione nel registro cattivi pagatori, sia la solidità aziendale.

Pensionati

I pensionati sono un’altra categoria di soggetti per i quali si possono concedere prestiti senza controllo finanziario CRIF. La pensione è un’entrata sicura ed affidabile, per cui il finanziamento viene concesso senza problemi.

L’unico limite che hanno i pensionati è rappresentato dall’età, dato che la maggior parte delle finanziarie concede prestiti fino a 75 anni, ma vi invitiamo a esplorare anche le opportunità per chi ha più di 80 o di 90 anni.

Gli autonomi, i limiti

lavoratori autonomi sono sempre soggetti a controllo CRIF. Il fatto che le loro entrate periodiche dipendano da un’attività imprenditoriale (per cui non sono fisse e sicure ogni mese) porta gli istituti di credito a fare maggiori controlli rispetto a quelli che si fanno sui dipendenti e sui pensionati.

Prestiti senza controllo CRIF

Per questo motivo, gli autonomi ed i liberi professionisti possono riuscire ad ottenere un prestito solo se non iscritti al registro dei cattivi pagatori né a quello dei protestati.

Chi è iscritto deve necessariamente fornire delle garanzie aggiuntive se vuole aumentare le possibilità di ottenimento del finanziamento: una fideiussione o la sottoscrizione di cambiali sono i due modi più utilizzati.

Perché alcune tipologie di dipendenti e pensionati possono ottenere prestiti senza controllo CRIF?

Lo stipendio e la pensione sono considerati, dalle banche e dalle società finanziarie, delle entrate sicure ed affidabili.

Per questo motivo sono disposte nella maggior parte dei casi a concedere prestiti senza alcun controllo preliminare sull’eventuale iscrizione al CRIF (cioè il registro dei cattivi pagatori).

Perché si fa il controllo CRIF?

Ogni banca e finanziaria ha bisogno di sapere che chi richiede un prestito sia affidabile. E’ per questo motivo che viene effettuata una visura CRIF, cioè un controllo di solvibilità: per assicurarsi (o comunque, per avere una buona probabilità) che non ci saranno insolvenze e che ogni rata del finanziamento sia ripagata in tempo.

Controllo iscrizione CRIF

Se anche ci fosse il minimo dubbio, piuttosto si preferisce non concedere il prestito che rischiare.

Check Also

Cessione del Quinto Piccole Aziende sotto i 15 Dipendenti e Ditte Individuali

Cessione del Quinto Piccole Aziende sotto i 15 Dipendenti e Ditte Individuali

Trovare dei finanziamenti per i dipendenti delle piccole imprese può non essere semplice, in quanto le garanzie fornite dal posto di lavoro non sono sempre considerate stabili. Ci sono, tuttavia, delle eccezioni. Vediamo in questo articoli chi può chiedere un finanziamento.