mercoledì, 26 luglio, 2017
Home / Prestiti Senza Busta Paga e Garante: come Ottenerli. Preventivo Online 2017 / Prestiti Personali Senza Busta Paga e Protestati

Prestiti Personali Senza Busta Paga e Protestati

Prestiti personali senza busta paga e protestati, un binomio che non sempre ha delle buone possibilità di riuscita. Ci sono delle buone ragioni per le quali è onestamente difficile poter trovare un prestito se si è subìto un protesto e non si ha una busta paga.

Motivo #1. Manca la busta paga

La mancanza di una busta paga è il principale motivo che frena banche e società finanziarie dal concedere un finanziamento. Questo documento è spesso la prima e più importante garanzia che si può fornire e la sua mancanza limita molto le possibilità di successo nella richiesta, soprattutto se si è protestati.

Quando parliamo di prestiti senza busta paga, tuttavia, è importante distinguere tra lavoratori autonomi e disoccupati. Nel primo caso a fare da garanzia è la presenza di una dichiarazione dei redditi da cui si attestano i guadagni dell’azienda, nel secondo caso non si hanno dei guadagni dimostrabili e dunque è praticamente impossibile riuscire ad avere successo nella domanda di prestito.

Motivo #2. Il protesto

Essere stati protestati non aiuta certo nella richiesta di finanziamento, anzi. Aver avuto problemi finanziari in passato (come il protesto o la segnalazione nel registro dei cattivi pagatori) è spesso una delle principali motivazioni del prestito rifiutato (se è il tuo caso potrebbe interessarti anche sapere tutto sulla liberatoria per un prestiti rifiutato).

A seconda della motivazione del protesto si potrebbe accedere ad un prestito con cambiali o meno. Se l’atto è stato emesso a causa di una cambiale non pagata in passato, ecco che anche il prestito con cambiali diventa non accessibile. Se, invece, il protesto è stato emesso a causa di un assegno scoperto, allora le cambiali possono essere ancora una opzione per garantire il finanziamento.

Motivo #3. Non si ha nessun garante

Quando ci si trova di fronte a delle situazioni poco “chiare” da un punto di vista del richiedente, la società finanziaria o la banca tendono a chiedere un garante. Tale figura può essere un parente o il partner, a condizione che rispetti alcune determinate caratteristiche (leggi il nostro testo sul garante del prestito e cosa accade nel caso di prestiti per disoccupati senza garante):

  • avere un lavoro (meglio se da dipendente e a tempo indeterminato)
  • non deve aver avuto problemi finanziari in passato

Motivo #4. La somma richiesta è troppo elevata

E’ noto che le banche e le società finanziarie tendono a concedere più facilmente prestiti per piccoli importi e che anche i protestati o i cattivi pagatori, oltre che coloro che non hanno una forte storia creditizia, possono richiedere più facilmente questi finanziamenti.

Quando si parla di piccoli prestiti, spesso, si intendono importi che arrivano fino a 3.000 o 5.000 euro. Chiedere importi più grandi presuppone il dover fornire garanzie maggiori, e spesso chi è autonomo per di più protestato potrebbe non avere tali garanzie.

In conclusione

Tirando le somme di quanto detto fino ad ora, possiamo sicuramente affermare che l’unione prestiti personali senza busta paga e protestati non è delle più felici. Abbiamo visto, infatti, che ci sono diverse motivazioni per le quali un istituto di credito potrebbe rifiutare il prestito.

Se hai esperienze dirette con questa particolare forma di prestito saremo felici di sentirlo nei commenti.

2 comments

  1. Salve cerco prestito cambializzato, ho avuto dei problemi in passato, mi potete aiutare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *