mercoledì, 26 luglio, 2017
Home / Prestiti tra privati 2017: come funziona il social lending

Prestiti tra privati 2017: come funziona il social lending

E’ arrivato in Italia da qualche anno ma, nonostante questo, sta già avendo un discreto successo. Stiamo parlando del “social lending”, ovvero il prestito tra privati. Società finanziarie come SmartikaPrestiamoci e Soisy sono al momento leader in questo settore nel nostro paese, proponendosi come una valida (e a volte economica) alternativa alle banche e alle finanziarie.

In breve, essi permettono l’incontro tra domanda e offerta di denaro: la domanda è fatta da privati che necessitano di un finanziamento, l’offerta è fatta da privati che hanno dei soldi da parte e vogliono investirli.

I prestiti tra privati sono sicuri?

Prima di addentrarci nel funzionamento di questo finanziamento, diciamo che “si”, i prestiti tra privati sono sicuri, sia per chi presta che per chi riceve denaro.

Sia Smartika che Prestiamoci e Soisy sono, infatti, in possesso delle autorizzazioni per operare nel settore del “denaro”:

  • Smartika è iscritta all’albo degli Istituti di Pagamento ex art. 114 septies del T.U.B. con il codice 36020.6
  • Prestiamoci è un marchio registrato da Agata SPA, iscritta al Registro delle imprese di Torino, ha iscrizione REA a Torino con il numero 1081604 ed è iscritta all’Elenco degli intermediari Finanziari – ex art. 106 TUB – con il numero 41663
  • Soisy, marchio vigilato dalla Banca d’Italia, ha l’autorizzazione ad operare in qualità di Istituto di Pagamento

Tutti e tre queste agenzie finanziarie utilizzano le ultime tecnologie di sicurezza per la protezione da accessi indesiderati sui rispettivi siti web.

I soldi sono al sicuro?

Queste indicazioni si riferiscono a Smartika, ma diciamo che in generale il funzionamento è similare.

Tutti i richiedenti vengono identificati prima di poter fare domanda e sono valutati tramite interrogazione delle banche dati (CRIF, CTC ed Experian). Solo quando tutta la documentazione allegata è giudicata positivamente, allora entrano a far parte del “sistema”.

Il denaro di chi presta viene distribuito, in media, tra 50 diversi richiedenti, in maniera di ridurre al minimo il rischio.

Se un debitore non dovesse effettuare il rimborso delle sue rate, scattano gli interventi delle agenzie di recupero crediti, mentre la Smartika Lender Protection interviene per coprire, in tutto o in parte, eventuali insolvenze.

Il denaro che si versa nel sistema Smartika viene depositato su due conti correnti (noto come “Conto Deposito Prestatori”) detenuto presso Intesa Sanpaolo, Banca Popolare di Milano e Unicredit Banca. Tale conto corrente, per legge, non può essere “aggredito” da eventuali creditori di Smartika.

I prestiti tra privati sono illegali?

Assolutamente no, a condizione di rispettare quanto stabilito dalla legge. E’ certamente legale affidarsi ad una società di social lending, in quanto sono autorizzate ad operare direttamente dalla banca d’Italia, ma allo stesso tempo è legale anche prestare denaro ad amici, parenti e conviventi a condizione di rispettare le semplici indicazioni legali in merito. In questo caso si deve trattare di un prestito senza interessi ed è meglio che sia tutelato da un contratto, redatto in scrittura privata, che attesta il finanziamento.

Per maggiori informazioni sulla legalità di questi prestiti ti consigliamo di leggere la nostra pagina sui prestiti tra privati illegali.

Come funzionano i prestiti tra privati?

In sostanza è molto semplice:

  • chi ha del denaro da voler prestare si regista su Smartika, Prestiamoci o Soisy come prestatore
  • egli effettua il versamento del denaro scegliendo anche il tasso desiderato, la durata del prestito e, nel caso di Smartika, anche il mercato (lo approfondiamo più sotto)

Un prestatore può anche decidere sia di dare il suo denaro in prestito solo a debitori con alcune classi di rischio oppure a tutti, così come di prestarlo per più tempo o per meno tempo.

Maggiore è il numero di classi cui si decide di rivolgersi, maggiori sono le probabilità di prestare più velocemente il proprio denaro.

Quanto tempo ci vuole per prestare denaro?

Le offerte dei prestatori sono classificate, per ogni mercato, prima in ordine di tasso di interesse (il più basso ha priorità in classifica) e poi, a parità di tasso, a seconda dell’anzianità dell’offerta (le più vecchie stanno prima in classifica).

Questo significa che le offerte con tassi di interesse più bassi sono le prime ad essere “date via”.

Come funziona il mercato Smartika

Abbiamo anticipato, prima, il mercato Smartika, ecco come funziona nel dettaglio.

Questa società di prestito tra privati ha 20 mercati tra cui il prestatore può scegliere di dare denaro, divisi per durata e per rischio.

  • Durate: 12, 24, 36 e 48 mesi
  • Rischi: A+, A, B, C, K

A+ è il profilo di rischio più basso (quello che dà meno remunerazione ma fa correre meno pericoli), “K” è il profilo di rischio più alto (maggiore remunerazione ma più pericoli).

Nello specifico, quando parliamo di pericolo ci riferiamo al rischio di insolvenza da parte del debitore.

Combinando le 4 durate e i 5 tipi di rischi, si arriva ai 20 mercati di cui abbiamo detto prima (A+ 12 mesi, A+ 24 mesi, ecc).

Vantaggi del social lending

Possiamo vedere diversi vantaggi nella richiesta di prestiti personali:

  • tassi di interesse più convenienti rispetto ai classici prestiti personali in banca o in una finanziaria
  • possibilità anche per chi si è visto rifiutare un finanziamento da un istituto di credito “tradizionale” di vedere accolta la sua domanda e avere il prestito di cui aveva bisogno
  • possibilità di ottenere o concedere denaro in prestito anche molto velocemente

I prestiti tra privati sono sicuri ed affidabili?

La risposta a questa domanda è positiva, a condizione di fare tutto per bene e seguendo i canali ufficiali, ovvero una delle tre società che abbiamo elencato in precedenza.

Essendo tutte e tre registrare e controllate dalla Banca d’Italia, sono tenute per legge a rispettare determinati comportamenti, ad operare in maniera trasparente e affidabile.

Per questo motivo, benché si tratti di una modalità di prestito online ancora molto nuova, le opinioni e le recensioni del web, anche nel 2017, sono positive. Le previsioni 2018 per questo finanziamento sono di crescita.

Per maggiori informazioni ti invitiamo a leggere il nostro approfondimento sui prestiti tra privati seri e sicuri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *